Gli spettacoli
29 luglio 2013 Locri

 SCARICA LA LOCANDINA IN PDF

Rassegna Stampa (cartacea e online)
clicca qui

 

       enea


 


Favola di Enea e Didone

Spettacolo itinerante per ragazzi
ore 19.00 Tempio di Marasà

 

Vai alla Scheda Artistica

 

 

 

 

TERESASALINES

 

Iniziazioni

incontro con Stefania Pennacchio

Vai alla Scheda Artistica


Tiresia

con Antonio Salines Teatro Belli, Roma

Vai alla Scheda Artistica

Anidride Carbonica
da Antigone di J.Anouill & B.Brecht
Anteprima nazionale con Teresa Timpano
Regia Filippo Gessi
Drammaturgia Mauro Santopietro
Produzione Scena Nuda
Vai alla Scheda Artistica

Incontro
con Antonio Salines e Teresa Timpano

Performance di esplorazione sul mito di Antigone
Produzione Teatro Belli/Scena Nuda

ore 21.45 Teatro Greco Romano


 

 

 Il Sito

Locri Epizefiri. La storia di Locri Epizefiri è una storia millenaria che inizia con l'arrivo tra l'VIII ed il VII secolo a.C. di un nucleo di coloni provenienti dalla Locride, una regione povera della Grecia, e che si sviluppa lungo l'arco dei secoli. Il primo vero studio sull'antica Locri Epizefiri lo si deve al Duca di Luynes, il quale oltre allo scavo del tempio di "Casa Marafioti", realizzò anche la prima planimetria della città antica che venne pubblicata nel 1830.
In seguito, Locri Epizefiri fu l'oggetto di studio di Pasquale Scaglione, originario di Gerace, che nel 1856 pubblicò un'opera dal titolo "Storia di Locri e di Gerace", ancora oggi importante per il gran numero di notizie che fornisce sulla zona della città antica che, altrimenti, non ci sarebbero mai pervenute. 

 

Teatro Greco Romano (comune di Portigliola). Risalendo la strada parallela al parco in località Pirrettina, è visitabile il teatro, scoperto nella prima metà del secolo scorso dall’archeologo e Soprintendente per le Antichità della Calabria e della Lucania nel primo novecento,  Paolo Orsi.  Costruito in pietra tenera secondo la tradizionale tecnica greca che utilizzava la pendenza naturale del terreno per realizzare la cavea caratterizzata da una serie di gradoni, il teatro si data al IV secolo a.C. Diverse le trasformazioni apportate in età romana quale l’ingrandimento dell’orchestra.

 

Tempio di Marasà (comune di Locri). Il santuario, uno dei più noti del mondo magno-greco era organizzato secondo la tradizionale suddivisione di un’area sacra: temenos - spazio all’aperto e recintato; altare, utile ai sacrifici per la divinità cui era dedicato il santuario; tempio, che all’interno, solitamente, conservava la statua di culto. Va ricordato che in alcuni casi, potevano aggiungersi anche i thesauroi: piccoli edifici con le offerte votive (ex voto) più preziose per la divinità.
Del tempio sono oggi visibili i resti relativi alla fase di età arcaica edificato in blocchi di arenaria e quelli dell’edificio di culto ricostruito con diverso orientamento, in stile ionico e pietra calcarea, di età classica. 

 

 

STATUA

 

teatro greco romano locri Epizefiri