Gli spettacoli
31 luglio 2013 Palmi

 SCARICA LA LOCANDINA IN PDF

Rassegna Stampa (cartacea e online)
clicca qui

 

 

        lab-teatro

 

Il viaggio di Ulisse
Spettacolo per Ragazzi

ore 18.00
Parco archeologico di Taureana

 

Vai alla Scheda Artistica

 

 

 chiaraguidi




Flatlandia

di e con Chiara Guidi

Socìetas Raffaello Sanzio

ore 19.30 Parco archeologico di Taureana


Vai alla Scheda Artistica

 

 


Il Sito 

Taurianum o Tauriana, questi i nomi con i quali era chiamata la città prima italica e poi romana ubicata sul promontorio di Taureana, frazione del Comune di Palmi (RC). Il nome stesso della città è quello del populus brettio che la fondò, i Tauriani,  attestato dalle fonti letterarie, epigrafiche e dai bolli laterizi sui quali è impresso l'etnico. I Tauriani  sono menzionati nelle fonti storiche come coloro che, nella guerra tra Romani e Cartaginesi nel III secolo a.C., dopo aver parteggiato per Annibale tornarono alleati di Roma. Il loro territorio si estendeva a sud del fiume Métauros (odierno Petrace), tra il mare e l'Aspromonte, coincidente in parte con l'area che in età medievale sarà la Valle delle Saline. Capitano Consalvo di Cordova fu assoggettata al potere del re di Spagna, Ferdinando il Cattolico. È del 1543 il terribile saccheggio ad opera del condottiero turco Khayr al-Din come nel 1594 un altro saccheggio fu operato da Scipione Sinan Cicala. Passata sotto il governo dei Borbone, la ripresa economica avvenne nel corso del ‘700. 

Parco archeologico dei Tauriani. Il Parco custodisce i resti degli antichi insediamenti che a partire dal secondo millennio a.C. si sono succeduti sul pianoro. Della città brettia dei Tauriani, testimoniata da due fasi di vita, è oggi parzialmente visibile quella di II-I secolo a.C, testimoniata da ampie strade bordate da edifici e da aree a destinazione pubblica. La Tauriana romana è stata ripianificata alla fine del I a.C. Di essa sono attualmente a vista alcuni isolati delimitati da strade, un imponente edificio per spettacoli e l'area sacra. La città fu abbandonata nel IV secolo d.C. Edifici pubblici e sacri, abitazioni, botteghe, magazzini e strade della città prima Brettia (IV-I secolo a. C.) e poi romana (I a. C. - IV secolo d.C.) sono ancora visibili percorrendo la terrazza, affacciata sul mare e posta a controllo dell'imbocco settentrionale dello Stretto. Qui il populus brettio ha lasciato il proprio nome impresso sui mattoni da costruzione: TAYRIANOYM ossia "dei Tauriani". Il Parco occupa la parte centrale di un pianoro dominante la costa tirrenica tra Capo Vaticano, lo Stretto di Messina e la vasta piana del Petrace, anuco Métauros. 

 

 

 





taureana--torre-cinquecente