Domenica 24 Novembre ore 18:00

SI STA BENE SULLA TERRA

(Progetto "La partita")

Di GENNADI NIKOLAEVIC BOGDANOV

Produzione: Scena Nuda/Microteatro

Regia: Gennadi Nicolaevich Bogdanov

Con: Filippo Gessi, Claudio Massimo Paternò, Teresa Timpano

 

L'idea è quella di "giocare" con il teatro dell’assurdo offrendone una diversa chiave interpretativa. Un viaggio lungo 40 anni, riscrivendo il testo, tratteggiando i protagonisti anche attraverso i colori grotteschi degli intermezzi, degli sketch e clownerì raccolte da Tristan Remy nel suo libro "I clown".


Vera espressione dell’umanità, coloro che fondano la loro arte sui rapporti di potere, che rispecchiano la quotidianità e la rendono buffa e surreale, che creano una visione distorta e ilare di quei problemi che gli spettatori ritroveranno una volta usciti da teatro. L’impossibilità del possesso in amore e l’illusione dell’amicizia: se l’amore è una finzione della tristezza dell’uomo, l’amicizia è una finzione della sua codardia. Se nessuna delle due cose può essere realizzata a causa dell’impenetrabilità di ogni “cosa mentale”. Il fallimento di ogni tentativo di possesso può avere almeno la nobiltà di ciò che è tragico, mentre il tentativo di comunicare laddove nessuna comunicazione è possibile, è soltanto una volgarità scimmiesca, o qualcosa di orrendamente comico, come la follia che fa parlare coi mobili. Il solo possibile sviluppo spirituale è in profondità. La tendenza non è nel senso dell’espansione ma della contrazione.


E l’arte è l’apoteosi della solitudine.

Non vi è comunicazione perché non vi sono mezzi di comunicazione