Dal 14 al 21 Marzo 2011

                                                                                                                                 Foto: Giuseppe Condemi ©2011

Cherubino

o una folle giornata

liberamente tratto da “Le nozze di Figaro” di Wolfgang Amadeus Mozart e Lorenzo Da Ponte

 

Produzione: Teatro Stabile delle Marche – Ancona www.stabilemarche.it

Ideazione di: Fabrizio Bartolucci con la collaborazione di Sandro Fabiani

Con: Sandro Fabiani e Giulia Bellucci con la partecipazione di Ferruccio Finetti (basso-baritono) e in video Olga Bartolucci

Note di regia: Fabrizio Bartolucci

Durata: 60 minuti

Cherubino è un ragazzo, semplice e ingenuo, che scopre i suoi primi turbamenti sentimentali mentre nel palazzo del conte D'Almaviva, suo tutore, fervono i preparativi per le imminenti nozze di Figaro e Susanna, servitori del nobile e della sua consorte: la contessa Rosina. Il giovinetto si ritrova così nel bel mezzo di una 'folle' giornata: alla frenesia per la festa nuziale, si aggiungono le manovre del conte che, segretamente innamorato di Susanna, cerca in tutti i modi di impedire il matrimonio. Ma la controffensiva dell'astuto Figaro per smascherare il Conte da il via ad una girandola d'accadimenti che coinvolge tutti. E Cherubino, col suo fare birichino, si ritrova protagonista di un succedersi senza fiato di inganni, travestimenti, fughe, equivoci e incidenti. Tutto alla fine andrà per il meglio… Ognuno ricerca la felicità, anche Cherubino che con la grazia sbarazzina della sua gioventù si innamora di tutte....ma sopratutto dell'amore. A interpretare il nostro Cherubino saranno un ragazzo e una ragazza, (un cherubino doppio, che si sdoppia) e che come un angioletto, o un piccolo diavolo, dà vita alla folle giornata delle nozze di Figaro, muovendo personaggi, cantanti e musici in un continuo gioco di travestimenti e colpi di scena. In uno spazio 'sospeso e leggero' la vicenda scenica si muoverà come un palloncino che galleggia nell'aria sempre sul punto di volare via libero nel cielo o di scoppiare all'improvviso. Ed è Mozart a farlo volare con la sublime armonia della sua musica.