16-17 Novembre 2012

foto-odissea

Foto Claudio Elia

Odissea Cabaret

Liberamente tratto da L’Odissea di Omero

 

 

Produzione: Scena Nuda compagnia teatrale e Centro Studi Quasimodo

Regia: Nicoletta Robello

Drammaturgia: Laura Tassi

Con: Enzo dè Liguoro e Mohamed Ba

 

In un bar, forse in un giorno di pioggia, un ubriacone, rimpiange i vecchi tempi, tempi in cui la sua saggezza era ancora utile a qualcuno... il cameriere gli serve da bere, vino, perché l'acqua in quella terra è troppo cara. Che pena, che malinconia, quel barbone, solo e abbandonato da quando, “nessuno ha più bisogno di me, Nessuno.”

Dice bene, il cameriere è proprio il Sig. Nessuno e di problemi ne ha... con la moglie, il figlio, la madre, l'azienda per cui lavora, la casa minacciata da incombenze climatiche e politiche, l'acqua, per cui manifesta un terrore atavico. Un problema però è più grosso degli altri: la mancanza di coraggio, che lo ha portato a scappare per tutta la vita, convinto invece di essere in viaggio verso nuove avventure.

E' da queste premesse che parte la vicenda del viaggio di Ulisse, o meglio, riparte, dal punto di vista però di un'Atena, Dea della saggezza, tornata sulla terra nei panni di un ubriacone o forse ubriaco e disperato veramente, perché la sua saggezza è inutile da troppi secoli... da quando cioè, si concluse l'Odissea. “Oggi gli uomini non si appellano più agli Dei, il Divino è stato sostituito dallo psicoterapeuta!”

Nel bar, finalmente, il barbone - Atena riprende il mito di Ulisse, lo fa rivivere in scena, per dimostrare al cameriere Nessuno il vero animus che forse a lui manca.

I personaggi di Omero vengono così rievocati, alcuni sono portati in scena fisicamente, proprio come uno spettacolo di cabaret in cui il monologante si serve di tutti gli elementi presenti, pubblico compreso, per poi trasformarli in personaggi utili al racconto.

Ma il cameriere Nessuno? Il nostro antieroe, pauroso e in “cattive acque”, riuscirà, pur restando fermo al tavolino di un bar, ad intraprendere un viaggio di “virtute e canoscenza” di sé e a diventare finalmente un moderno Ulisse?

Il mito viene rispettato, il cameriere riuscirà a reagire e infine ad alzarsi dal tavolino e ad uscire finalmente, in quel paese dove il vino abbonda più dell'acqua ed ogni acquazzone può rappresentare una minaccia.

Ma se intanto fuori non smettesse di piovere?


RASSEGNA STAMPA

Gazzetta del Sud
Gazzetta del Sud
Calabria Ora
Calabria Ora
Il Quotidiano della Calabria

_mg_1570 _mg_1574 _mg_1583 _mg_1584 _mg_1590

Sei qui: Home La Residenza La Residenza TeatRhegion Stagione 2012/13 Odissea Cabaret